Il Marchio Vicciola


Con il termine Vicciola s’intende esclusivamente la Razza Bovina Piemontese allevata a Nocciole.
La sua alimentazione è composta da mais, crusca, fieno e nocciole e non permette l’aggiunta di alcun tipo di componente normalmente utilizzato per aumentare la resa quantitativa e per velocizzare il processo di crescita.

La nocciola, finora mai inserita nell’alimentazione dei bovini, deve tassativamente possedere le più elevate qualità in modo da poter trasmettere al meglio le sue nobili proprietà. Si prendono in considerazione unicamente nocciole integre, sgusciate, provenienti dal raccolto dell'anno in corso, di calibro 13/15 (da Disciplinare superiore a 11), senza traccia di rottame, prodotto scaduto o scarti di lavorazione.

La Vicciola, dal momento in cui si mette all’ingrasso, cresce di circa tre/quattro etti al giorno contro una media di crescita che varia dal chilo al chilo e otto etti dei bovini allevati in maniera tradizionale.
Rispettando i tempi fisiologici di crescita dell’animale fin dalla nascita, si ottiene una resa quantitativa decisamente inferiore a vantaggio di una resa qualitativa nettamente superiore con un’altissima concentrazione di proprietà nutritive e un bassissimo livello di colesterolo.